Ultima modifica: 24 Agosto 2015

La vera sapienza

 Dovetti concludere meco stesso che veramente di cotest’uomo ero più sapiente io: […] costui credeva sapere e non sapeva, io invece, come non sapevo, neanche credevo sapere.

Platone, Apologia di Socrate, trad. di M. Valgmigli, 21d, in Id., Opere, vol. I, Bari 1966, p. 39.




↓